‘sti stracci adorati

stistracciLa vita è come tante strade
che s’attorcijano a matassa.
La tua s’arza e poi s’abbassa
e molto spesso ‘n te persuade.

Er dubbio poi te viene
quando arivi a quer crocicchio:
vado dritto o me l’arischio?
A cambià mò me conviene?

Tira dritto e nun te move
che magari poi vai peggio.
Pe’ gira’ ce vo coraggio,
su sto fatto nun ce piove

Ma quer giorno ero distratto
o forse avevo un po’ bevuto
tant’è che infine c’ho creduto
e jo dato giù de matto.

Ossignore ma ndo’ so annato?
Avrò fatto forse male?
A ripensacce mò nun vale
e torna’ indietro nun è dato.

Quindic’anni so passati
da quer giorno della svorta.
Quarche cosa è annata storta
ma li tempi so cambiati.

Prova a damme l’occasione
de tornà su quella scerta,
senti a me, ‘na cosa è certa:
io me tengo sto magone.

Perchè li pianti e li dolori
so’ come l’orme sulla sabbia,
so’ li sfoghi della rabbia
ma so’ veri, nun so’ accessori.

Sti vestiti so lacerati
da quell’ anni de tormento
ma so vivo e me ne vanto
e sti stracci so’ adorati!

F.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.