Li barbari

Sò tornati li barbari. Dio ce scampi!
Acchiappano, sfasciano e s’aruzzano,
ndo’ passano acciaccano e rivortano.
A memoria riportano l’artri tempi.

Ma stavorta nun vedo lunghe barbe e capelli,
hanno capito che pe’ mejo vince se devono nasconne
e nun c’hanno bisogno certo delle fronne
pe sartatte addosso co du cortelli.

Erore, me sbajo. Nun so’ nascosti ma nvisibbili
come l’acqua nella neve, che c’è ma nun se vede
e allora tu che me dici “nun ce voio propio crede”
t’arivorti e t’aritrovi a tappà tutti l’avvorgibbili.

Nun serve chiùdese in casa perchè so già entrati.
Prova a accenne er televisore e te n’accorgi pure:
un canale, n’antro e senza usa’ torture
je damo retta e semo tutti ‘ntronati.

Li barbari d’oggi so ‘n sacco più loschi.
Se armèno a li visigoti je potevi caccià l’occhi
a questi te c’avvicini e manco li tocchi
che la testa tua è già annata pe’ boschi.

‘Na sigla infame, du luci e ‘n soriso
e sei cotto come ‘n tacchino arosto.
Hai voja a crede che è sottocosto,
ma quanno compri te senti in paradiso

E se nun compri sei un poraccio rejetto e malato
te senti escluso dar granne gioco sociale
e sta cosa te fa così pijà a male…
Ma intanto er barbaro t’ha già fregato!

F.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.