‘a nascita d’Esculapio

‘n giorno Apollo vide Coronis, ‘na principessa,
mentre dappresso a ‘n lago se lavava.
S’allupò er Dio e co’n filo de bava
la prese d’impeto sulla riva stessa.

Alla fine la baciò e fece pe’ annasse
ma prima le lasciò ‘na strana creatura
‘n corvo bianco che nun c’era in natura
a fa’ la guardia che nissun ne abusasse.

Dopo un mese Coronis s’accorse de un ritardo
e capì che er Dio nun corpisce mai a vòto,
ma incontrò no’ straniero e fu ‘n teremoto
e s’accoppiò stregata da quer nòvo sguardo.

Ma er corvo bianco mica era micco!
A vede’ la principessa co’ lo straniero
volò da Apollo a racconta’ der forestiero
e s’aspettò la ricompensa arzando er becco.

A ‘r Dio je se rivortarono le budella
co’ ‘na manata all’uccello je fece
le piume da bianche a nere come la pece
poi s’annò a riparà da Artemide, su sorella.

“Sorellina cacciatrice, solo tu me poi aiuta’,
la principessa Coronis m’ha tradito
co’ ‘no zotico dell’Arcadia che s’è invaghito.
pensace tu, ma le corna mia devi vendica’!”

Artemide, che nun se faceva scappà n’occasione,
scoccò ‘na freccia che come un furmine partì.
Volò dar cielo tra le nuvole e poi corpì
in fonno ar petto della donna come n’arpione.

Co ‘n filo de voce Coronis ad Apollo:
“Ma ch’hai fatto? Nun vedi tu che sei Dio?
Prova a guardà dentro al ventre mio
e ce troverai tu’ fijo, un rampollo.

Er Dio fu roso dar dolore che abbrutisce
e quanno Coronis morì senza più fiato
dar ventre suo Apollo cornificato
tirò fori Esculapio, er semidio che guarisce.

Tanti anni appresso Esculapio infranse
‘na regola che l’Olimpo tutto rabbrividì.
Co’ na forgore er nonno Zeus lo ‘ncenerì
e fu l’unica vorta che Apollo pianse.

F.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.