Er farsificatore

Tra le mano de sto griggio vento
me sovviene da pensa’ ar domani:
intrallazzi, meschini e farsi nani,
so le cose che me fanno più spavento.

Se sta a perde l’omo e l’umanità tutta
come incantati da sto sòno traggico
de n’infame de pifferaio maggico
che nun se vede a occhio, ma che l’anima sfrutta.

È così che quello che cjai dentro
e che na vorta te faceva bello
è nascosto dar tremendo ombrello
della vanità de stà sempre ar centro.

Me piego e raccorgo ‘na manata
de carda e umida tera da basso.
Armenu tu, in mezzo a tutto sto sconquasso
me ricordi che semo vivi, sei profumata.

Dalla tera sulla mano fa capocella
un lombrico lungo, grasso e carnoso.
“Ahò, lassame sta’, a coso!
Me stavo a fa’ na pennichella”

Preso da n’attacco d’estrema cura,
scavo na buchetta ner giardino,
ce poso dentro quer poro meschino
e lui me dice “Lassa fa’ alla natura!”.

“La natura?” faccio io “e mo’ che c’entra?”
“C’entra e ce cape” insiste lui saputello
“Vedi me? De certo nun so bello,
ma alla tera dò sostegno” e rientra.

Er piccoletto cià raggione, ci’aripenso:
de tutta st’apparenza che ce circonna
nun sai mai se sotto na gonna
ce trovi la reartà o un doppiosenso!

Se stamo a perde er più semplice momento,
l’istante che t’appariva come na scintilla:
la minestra de broccoli co l’arzilla
su un tavolo che pareva quello der convento.

Allora: chi semo o chi volemo sembrà?
Tu che pari ‘n Dio sei solo ‘na palla d’aria,
ma er brutto è che sta malattia è ereditaria
e t’allontana coll’inganno dalla reartà.

Sei “fori moda”? Forse allora sei er mejo
perchè hai scerto da solo la strada da percore
senza abboccà all’amo der farsificatore
e diventà solo na piantina ner suo vivaio.

F.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.