La crisi NON è uguale per tutti

Oggi ho avuto qualche minuto libero per dare un’occhiata al Conto Consuntivo per l’anno 2010 della Camera dei Deputati, pubblicamente disponibile a questo link  e forse avrei fatto meglio a non farlo, avrei certamente trascorso una serata più serena…

Le cifre saltano agli occhi con tanti zeri, e occorre rileggerle bene per convincersi che siano veramente quelle: milioni e milioni di euro. I capitoli di spesa assommano a ben oltre il miliardo di euro, senza calcolare le “partite di giro”, cioè i soldi che lo Stato versa alla Camera per poi versarli a terzi (es: le ritenute fiscali e contributive).

Molto interessante è la Categoria 1 del Titolo I: Spese correnti – Deputati. Il totale è di circa 165 milioni di euro (sì, milioni), compresi 31 milioni di Rimborso spese di segreteria (ma dove comprano le penne? Da Bulgari?). Altrettando curiosi sono i Capitoli di Spesa n. 10 e 20, relativi ai Deputati “cessati dal mandato“, i quali ci sono costati altri 139 milioni tra vitalizi e rimborsi di viaggio.

Laddove potrebbero invece essere munifici, ad esempio nei contributi per Borse di Studio – cap. 145 –  hanno dimostrato di avere il braccino corto, investendo la piccola somma di 275mila euro tutti a favore di una sola Fondazione Carlo Finzi.

Insomma, a scorrere queste cifre ce n’è da divertirsi per diversi giorni e talvolta lo spasso è così incalzante che occorre sospendere la lettura e riprenderla dopo aver adeguatamente rilassato lo spirito.

Una delle cifre più stonate è stata quella delle spese per il software (cap. 245 – Conto Capitale) 7,5 milioni che vanno a sommarsi a quelle per la manutenzione del software stesso (cap. 60, Spese Correnti) 2,8 milioni per un totale di oltre 10 milioni di euro in un anno che fanno la gioia di Microsoft e l’umiliazione di tutte le comunità di sviluppo Open Source nel mondo. Ricordo che Paesi come la Francia, la Germania e la Spagna fanno ampio uso di software Open Source, selezionato attraverso stringenti requisiti di qualità, di efficienza e di risparmio. Altri criteri di selezione leciti non ne conosciamo.

E dopo aver speso oltre un miliardo di euro avendo dato ben poco in cambio al Paese (a parte una moltitudine di gossip, di processi penali e di figuracce), si sono presi una bella vacanza estiva.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: