Felicità

So tre giorni che piove e pare
che sta cappa nun se ne vo’ annà.
Ste giornate so’ come un po’ avare
de quarche sentimento de felicità.

felicitaMa in fonno in fonno se ce pensi,
com’è fatto l’omo ai giorni nostri?
La serenità? Dio ce scansi!
pe’ negalla se fa li mostri!

Quann’è agosto e de callo mori
nun vedi l’ora de vedè casca’ le foje.
Poi a Gennaro cor ghiaccio che c’è fori
de la spiaggia t’arivano le voje.

Imbottijato ner traffico della rotatoria
te sogni solitario nella campagna immenza.
Ma quanno poi te sdraji ‘n mezzo alla cicoria
de la tivvù nun poi sta senza.

Pare propio che la felicità ce fa paura.
Quanno ce sfiora famo finta de gnente:
nun se sa mai, magari porta sciagura
fasse vedè felice dall’antra gente.

Ma nun è l’invidia artrui er peggio nemico
è quello che c’hai drento che te fa sballa’.
Stamme a sentì: qui lo nego e qui lo dico
chi ce fa più paura è la felicità.

F.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.